SCOPRI GLI ARTICOLI MHUDI IN PROMOZIONE

Sostenibilità

Le qualità nascoste dei materiali
tessuto sostenibilità 01

Realizzo prodotti sostenibili dal 2012 utilizzando il principio dell' economia circolare, un modello produttivo ed economico basato sull'ottimizzazione dei processi e delle risorse. Faccio produrre i miei pezzi secondo il principio della sufficienza con lo scopo di  inserire sul mercato quello di cui il cliente ha bisogno. Nel 2012 ho cominciato a produrre turbanti partendo da questi principi e proponendoli sul mercato come pezzi unici, oggi molte aziende hanno cominciato ad utilizzare questa modalità di lavoro legata alla sostenibilità e coinvolgendo il consumatore come un partner nel raggiungimento di questi obbiettivi.

L 'industria della moda produce annualmente rifiuti, la sostenibilità è un processo di miglioramento continuo rivolto non solo all'essere umano ma al pianeta. Per questo motivo ottimizzo la produzione coinvolgendo in prima persona il consumatore finale in un processo zero waste, eliminando i deadstock e selezionando i tessuti in maniera consapevole, innovando il concetto di recupero promosso anche attraverso la ricerca estetica dei tessuti utilizzati per le collezioni iconiche del brand.

 

turbante wrap mhudi

IL VALORE DEI TESSUTI

Sostenibilità è stata la parola chiave di MHUDI dall’inizio della fondazione unita alla  mia profonda attenzione alle materie prime, alle lavorazioni e alla ricerca.

I primi masterpiece che ho realizzato con vecchi tessuti batik hanno portato non solo la forma ma il senso estetico, i colori e i profumi di un continente ricco di culture. Con il tempo la mia ricerca è diventata più raffinata producendo abbinamenti e stili fashion contemporanei dedicati a diverse tipologie di donne.

Il  concetto di sostenibilità che promuovo parte dal valore intrinseco che ogni tessuto possiede. Come l'essere umano ha una sua storia anche un materiale ne possiede una, dalla nascita alla sua evoluzione,  diventando un elemento mutevole e indispensabile alla creazione.

La mia ricerca è sempre spontanea e percorsa in spazi silenti ( magazzini o archivi aziendali ) dove i materiali giacciono senza utilizzo e attendono il momento per una possibile trasformazione.

L’intero processo parla il linguaggio della sostenibilità, dall’ idea fino alla produzione, mettendo in risalto le potenti capacità di rinascita del tessuto.

Sostengo una filiera dove tutti gli attori sono scelti e controllati per creare un supply chain trasparente, scegliendo il  MADE IN ITALY  e lavorando ogni giorno con le eccellenze del territorio.